fbpx

Hai subito un incidente in autostrada?

SOSIncidente_Storia_21Mag_20

Hai subito un incidente in autostrada?

Subire un incidente lungo l’autostrada è difficile da dimostrare, perchè le macchine sfrecciano ad alta velocità e risulta complicato comparare i danni e constatare l’entità dell’accaduto. Solo l’intervento di professionisti del risarcimento auto possono aiutarti a trovare la strada per ottenere la riconoscibilità della ragione.

Durante un viaggio in auto lungo l’autostrada, il signor Stefano si ritrova incappato in un tamponamento a catena, nel mezzo tra due auto. Quando sono intervenute le forze dell’ordine hanno multato tutti e tre, quindi anche Stefano, il quale si era ritrovato coinvolto a causa di altri. Lui non è d’accordo con questa pena pecuniaria, quindi decide di affidarsi ad Sos Incidente, recandosi nella sede di Urbania.

Il responsabile di Sos Incidente ha fatto richiesta alla compagnia assicurativa della controparte, che , come volevasi dimostrare, non era intenzionata a pagare il danno di Stefano. A quel punto non rimaneva che fare ricorso alla multa adoperandosi anche della ricostruzione cinematica, per dimostrare che Stefano era stato balzato in avanti dall’auto dietro, perciò non avrebbe potuto evitare l’urto con quella che si trovava davanti. Grazie a queste prove il giudice non ha potuto fare altro che accogliere il ricorso e annullare la multa.

Con la vittoria del ricorso in mano il responsabile dell’infortunistica Sos Incidente l’ha spedita all’assicurazione della controparte per farla venire a conoscenza che vi era una sentenza del giudice in cui annullava la multa al cliente Stefano. Nonostante ciò la trattativa è stata più difficile del previsto. Anche con una sentenza del tribunale la compagnia non voleva cedere.

Lo studio del caso, la scelta delle giuste strategie da adottare, e una forte preparazione sono stati gli ingredienti a far smuovere le acque. Infatti il titolare di Sos Incidente, dopo 3 mesi di trattativa, è riuscito a convincere l’assicurazione a pagare il danno a Stefano, avendo ragione. Dopo un anno e mezzo dall’accaduto, Stefano è riuscito ad ottenere il 100% del risarcimento.

Condividi questo articolo su: